domenica 15 aprile 2018

Attività - In caso di emergenza:telescopio kepleriano superveloce! -


A volte capita che un problema si trasformi in un'occasione di conoscenza a noi è capitato con il nostro telescopio kepleriano!

Nel post precedente abbiamo raccontato come costruire un telescopio kepleriano. Questi "racconti" li facciamo anche in classe, durante le lezioni. La settimana scorsa, in una classe quinta, Roberta ed io stavamo appunto invitando le nostre alunne ed alunni a visitare la nostra pagina web, quando un alunno ci ha detto: "ma noi abbiamo delle lenti d'ingrandimento in classe, ce ne costruite uno qui?" E da qui è partito tutto. Avendo le due lenti, abbiamo stressato le signore della mensa e le cuoche per ottenere tre tubi di cartone (da rotolo di Scottex, rotolo di foglio di alluminio, rotolo di carta da forno), e, fortunosamente, abbiamo recuperato due palloncini "et voilà", il telescopio kepleriano d'emergenza! Tornati in laboratorio abbiamo codificato l'attività e la mettiamo a disposizione di tutti.

Per realizzare il telescopio kepleriano d'emergenza avrai bisogno di:
- 3 tubi di cartone di diametro differente che si infilino l'uno dentro all'altro
- 2 lenti d'ingrandimento di diametro diverso
- 2 palloncini
- un paio di forbici

Ci sono solo due tubi perchè uno è già infilato nell'altro.


Per prima cosa dovrai ritagliare i palloncini come mostrato nell'immagine: dovrai utilizzare solo la parte di mezzo.



Appoggia la lente sull'estremità di uno dei tubi di cartone e "imprigionala" con il pezzo di palloncino: dovrai farti aiutare per evitare di far cadere la lente. Il palloncino va infilato sulla lente come se fosse un calzino.






Esegui la stessa operazione per l'altra lente.


Ora infila un cartone dentro l'altro: quello senza lenti andrà nel mezzo e tu dovrai usare come oculare la lente più piccola (la parte da dove guarderai).
Spostando avanti e indietro i tubi riuscirai a mettere a fuoco il tuo obiettivo, sempre, come raccontato nell'altro post,  al contrario.





Nessun commento:

Posta un commento